Categorie
Senza categoria

Blefaroplastica

Chirurgia palpebrale o blefaroplastica
Uno sguardo chiaro e aperto? Uno sguardo malizioso o ridicolo? Uno sguardo amorevole, sorpreso o determinato? Uno sguardo espressivo in breve.

Lo sguardo riflette o almeno esprime, a torto o a ragione, l’intelligenza, la vivacità, il dinamismo e altre caratteristiche che permettono all’altro di giudicare, di essere attento o al contrario indifferente.

L’invecchiamento estetico delle palpebre si traduce da un lato in dermato o blefarocalasi, cioè in eccesso di pelle, e dall’altro nella comparsa di tasche corrispondenti alla proiezione di grasso intra-orbitale sul setto palpebrale. Nella palpebra superiore è presente una piega palpebrale legata alla blefarocalasi ma anche all’abbassamento del sopracciglio. A volte è presente una tasca interna untuosa. Nella palpebra inferiore, le tasche sono classiche, impreziosite da un anello cavo sempre associato e preesistente. L’eccesso di pelle si manifesta con pieghe e pieghe.

La palpebra molto vecchia può anche diventare patologica con entropio o ectropion nella palpebra inferiore e ptosi nella palpebra superiore. In alcuni casi, la funzione oculare è a rischio ed è necessaria una chirurgia correttiva.

La palpebra giovane e “antiestetica” può anche richiedere un intervento chirurgico per riorientare o allungare la fessura palpebrale (cantoplastica), affinare una palpebra superiore pesante o creare una piega palpebrale per le palpebre superiori asiatiche, ad esempio.

Blefaroplastica , che è importante
La chirurgia palpebrale o blefaroplastica può essere di interesse per le palpebre superiori e/o inferiori. Mentre la chirurgia della palpebra superiore è spesso semplice, la chirurgia della palpebra inferiore è delicata e richiede grande cautela.

L’invecchiamento delle strutture anatomiche porta spesso ad una lassità tissutale che giustifica l’uso di una sospensione o cantoplastica (tensione laterale) della palpebra inferiore.

Questo limita il rischio di abbassare il bordo libero della palpebra ad un occhio rotondo. Sempre più spesso associamo la blefaroplastica inferiore al trattamento delle occhiaie mediante riempimento (lipostruttura).

La chirurgia palpebrale o blefaroplastica può essere isolata o combinata con la chirurgia del lifting facciale.

All’indomani dell’intervento sono proposti:

Accesso 24 ore su 24 al chirurgo in caso di emergenza tramite un’applicazione per smartphone,
un follow-up telefonico da parte dell’infermiera dell’ufficio,
la rimozione dei fili da parte dell’infermiera dell’ufficio.

IL PRINCIPIO DI QUESTA OPERAZIONE
Per le palpebre inferiori: la procedura consiste nel rimuovere le tasche di grasso e ripristinare la tensione dei muscoli (orbicolari) e della pelle.

Per le palpebre superiori: La procedura consiste nel rimuovere la pelle in eccesso che cade sulla palpebra. In alcuni casi, specialmente nel caso degli occhi cavi, la procedura consiste nel correggere questa depressione con la lipostruttura.

PER CHI E’ QUEST’OPERAZIONE?
La chirurgia palpebrale è destinata ai pazienti con borse sotto le palpebre.

La blefaroplastica è indicata anche per trattare l’eccesso di pelle, il rilassamento della pelle e dei muscoli, e le palpebre stroplastiche quando c’è eccesso di pelle.

CICATRICE
Per le palpebre superiori: la cicatrice è nascosta nella piega palpebrale superiore.

Per le palpebre inferiori: La cicatrice si trova a 2 millimetri dal bordo libero della palpebra o all’interno della palpebra (percorso endocongiuntivale) quando ci sono solo tasche o quando i pazienti rifiutano una cicatrice.

In ogni caso, queste cicatrici sono di solito di ottima qualità e non sono visibili.

Due tecniche chirurgiche sono possibili per assicurare il trattamento delle palpebre: la tecnica con cicatrici o quella senza cicatrici.

La tecnica con cicatrici è preferibile quando è necessaria la rimozione del grasso sulla palpebra, è indicata anche per trattare un significativo rilassamento della pelle. Dopo l’incisione, il professionista rimuoverà il grasso in eccesso e la pelle e poi scivolare indietro per ridurre le rughe sotto gli occhi.

La tecnica senza cicatrici è indicata solo quando la pelle è leggermente cascante. Il chirurgo plastico preferirà la via congiuntivale per mascherare l’incisione sulla mucosa interna della palpebra: la cicatrice sarà invisibile.

Lascia un commento